Favara, la Fit Ballet Performance ha aperto le sue porte al ballerino Fabrizio Prolli



La Fit Ballet Performance di Favara, diretta dalla Prof. Giovanna Di Maria, ha aperto le sue porte al ballerino ed assistente coreografo Fabrizio Prolli per uno stage del tutto particolare.

L’apprezzato artista, è stato accolto da tutto lo staff della palestra, dai partecipanti all’incontro e le proprie insegnanti  e dalla maestra di danza Paola Vaianella che ha voluto fortemente la presenza di Prolli per un momento di crescita ed arricchimento artistico dei suoi allievi e non solo.

Tutti i partecipanti hanno avuto la possibilità di apprezzare le doti di Prolli, tra l’altro molto noto tra i giovani soprattutto grazie la trasmissione Amici di Maria De Filippi.

Ma il background di Fabrizio va dal teatro, dove ha ballato con la Free Dance Company nei più importanti teatri d’Italia con la direzione artistica di Kledi Kadiu e le coreografie di Veronica Peparini, passando per i grandi eventi organizzati da Vittoria Ottolenghi, come il Todi Arte Festival dove è stato ospite accompagnando Heather Paris. Al cinema, ha partecipato anche all’opera prima “Blind Maze”, film con la regia della stessa Heather Parisi, nel ruolo di co-protagonista.

Il ballerino, nel corso dello stage, ha trasmesso tutta la sua professionalità  e ha avuto modo anche di valutare la preparazione di alcuni allievi consegnando borse di studio a sorpresa. Destinatarie della borsa di studio per “Roma Talent Stage 2018” sono state Sofia Pollicino allieva dell’ins. Valentina Palermo, Fabiana Salvaggio allieva dell’ins. Paola Vaianella e Sofia Pintavalle dell’ins. Alessandra Alfano. A ricevere la borsa di studio per la Kledy Dance, invece, è stata Selene Zarcone seguita dall’ins. Giusy Liberto.

Un momento di pura danza, di emozione e soddisfazione per tutti, con in testa la dirigenza della Fit Ballet Performance, di Giovanna Di Maria, e per l’insegnante Paola Vaianella che ha da sempre sposato l’idea di volere esperienze del genere per i suoi allievi per un confronto “sano”con chi ha realizzato il sogno di diventare un ballerino professionista. Un ringraziamento va anche alle insegnanti che hanno voluto condividere insieme ai propri allievi questa esperienza formativa.

Intanto, nella palestra favarese, si parla già di possibili altre occasioni per essere sempre al passo coi tempi e seguire l’obiettivo di sempre: la formazione artistica dei propri allievi seguiti del continuo con professionalità e massima attenzione. (GS)

 

 

Ultima modifica: 23 novembre 2017