Eccellenza, parola agli under: Messina e Nicosia a 360°



La settima giornata del campionato di Eccellenza è pronta a regalarci un entusiasmante e scoppiettante Mussomeli – Caccamo. Se gli occhi saranno puntati sui punti cardini come Sciacca, Messina, Iannello e Spina da una parte e Scillufo, Cutaia, Sardina e i fratelli Clemente dall’altra, a spalleggiare i grandi, ci saranno dei juniores davvero interessanti. Infatti nella giornata odierna abbiamo “chiacchierato” e messo a confronto Nunzio Nicosia centrocampista classe 2000 del Caccamo e Gianfrancesco Messina attaccante classe 2000 del Mussomeli.

 

Nonostante la giovane età, cosa si prova ad esordire in Eccellenza?

  • Nicosia: È stato un bel banco di prova ma ancora visto la giovane età ho molto da imparare dai più grandi
  • Messina: La prima cosa che si prova è la tensione, però esordire ti da anche conforto soprattutto da parte dell’allenatore che crede in te. Per me è una cosa molto importante per ripagare tutti i sacrifici fatti

 

Quando il mister ti ha detto di scendere in campo cosa hai provato?

  • Nicosia: Inizialmente un po’ di timore ma era l’unica cosa che aspettavo dall’inizio del campionato ed è stata una sensazione unica, ovviamente è stato anche merito degli ultras
  • Messina: Mi sono preparato bene tutta la settimana per riuscire a trovare il posto da titolare. Poi durante la settimana il mister ha provato la squadra ed ero nella squadra titolare quindi la domenica già sapevo che dovevo giocare però avevo lo stesso la tensione. Peccato per il risultato all’esordio!

 

Domenica Mussomeli – Caccamo. Che gara ti aspetti?

  • Nicosia: Credo che sia una gara molto difficile da affrontare in un campo ostico, e per portare a casa un buon bottino dovremmo tenere gli occhi aperti e giocare come abbiamo giocato contro il Licata, ovvero avere rispetto per tutti ma paura di nessuno
  • Messina: Sono una bella squadra e sono messi bene in classifica ma vista la nostra posizione in classifica domenica è l’occasione giusta per cercare di fare i primi 3 punti stagionali e schiodarci da quell’ultimo posto . Il mister ci sta caricando nel migliore dei modi

 

Che peso ha indossare questa maglia?

  • Nicosia: Essendo alla prima esperienza in un campionato del genere ha un peso molto grande per un giovane come me e spero di indossarla nel migliore dei modi in ogni partita, ma soprattutto, la maglia si onora sempre!
  • Messina: Diciamo pesante però mi sento anche orgoglioso di giocare per il mio paese quindi cercherò di dare sempre il massimo sia per i tifosi , per il mister e per la squadra

 

A chi ti ispiri maggiormente e perché?

  • Nicosia: Mi ispiro a giocatori come Nainggolan, Modric e Pirlo però c’è molto da lavorare prima di arrivare ai loro livelli
  • Messina: Non ho un idolo in particolare però uno dei giocatori che mi piace di più Insigne

 

La tua squadra è composta da diversi leader e gente di esperienza. Chi ti sta aiutando maggiormente?

  • Nicosia: Onestamente tutta la gente d’esperienza che c’è in squadra mi sta aiutando e penso che da persone come Cutaia, i fratelli Clemente, Scillufo, Sardina ci sia molto da imparare
  • Messina: Non posso lamentarmi dei miei compagni sono tutti delle brave persone e tutti che aiutano i giovani sopratutto i grandi quelli più giovani come Fricano e Minnone che pur essendo giovani incoraggio come i grandi

 

 

Ai tuoi coetanei che hanno il tuo stesso sogno, che consiglio ti senti di dare?

  • Nicosia: Per noi giovani l’importante è stare con i piedi per terra e lavorare sodo in tutti gli allenamenti settimanali e credo che poi le soddisfazioni arriveranno a poco a poco. Testa bassa e pedalare! …E alla base di tutto c’è l’umiltà!!!
  • Messina: Ancora non sono arrivato da nessuna parte, ma questa è un grande passo avanti nel mondo del calcio. Quindi il consiglio principale è quello di essere sempre costanti agli allenamenti e massima serietà

 

Angelo Buscaglia

 

Ultima modifica: 20 ottobre 2017