Dovrà ricominciare il processo che vede alla sbarra, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, 2 favaresi, 2 agrigentini e un palermitano, dopo la notifica di citazione diretta a giudizio da parte del pm.

Uno dei difensori ha sollevato una eccezione che è stata accolta e gli atti tornano alla Procura della Repubblica.

Dell’accusa devono rispondere: Salvatore Caramanno, 39 anni, di Favara, Lorenzo Di Dio, 26 anni, di Agrigento, Lorenzo Cardile, 34 anni, di Agrigento, Giuseppe Matina, 45 anni, di Favara, Francesco Scalici, 45 anni di Palermo.

Ultima modifica: 21 ottobre 2017