Danno erariale al comune di Porto Empedocle, ieri udienza alla Corte dei Conti


comune

L’udienza innanzi alla sezione giurisdizionale di primo grado della Corte dei Conti di Palermo.

Si è tenuta ieri l’udienza a carico dell’ex sindaco di  Porto Empedocle Calogero Firetto e di un dirigente finanziario del Comune di Porto Empedocle. Anche se non è trapelata nessuna indiscrezione pare che la sentenza non arriverà subito. Il giudice infatti avrebbe a disposizione 30 giorni di tempo prima di emettere il verdetto. Potrebbe esprimersi subito ma anche prendere tutto il tempo.

Secondo la procura della Corte dei conti, i due, sarebbero responsabili di un danno erariale di complessivi 3.037.122,23 euro. Ai due viene contestato di aver utilizzato le anticipazioni di liquidità ottenute nell’anno 2014 per fare fronte a spese correnti del comune, contravvenendo, secondo l’accusa, così all’obbligo legale della destinazione dei fondi ricevuti e vincolati al pagamento dei debiti scaduti delle pubbliche amministrazioni verso terzi (imprese e privati). La gestione di quei soldi, – sostiene l’accusa – avrebbe generato il conseguente dissesto finanziario dell’ente, con cui adesso deve fare i conti l’attuale sindaco Ida Carmina. 

Secondo quanto sostiene il Gds, in un articolo uscito questa mattina,  se il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, dovesse essere condannato scatterà la cosiddetta «sanzione interdittiva»: non potrà più candidarsi per i prossimi 10 anni.

Ultima modifica: 1 marzo 2018