Da Favara alla Padania

Pubblicato 14/04/2012 » 63 Visualizzazioni» Da Eugenio Cairone » Politica

Lunedì a Favara, la casa natale del nonno di Manuela Marrone, moglie di Bossi, verrà demolita perché pericolante.

Il tutto mentre lassù in Padania, si va avanti con gli arresti di esponenti leghisti.

Una coincidenza che fa notizia.

Si spera, infatti, che assieme alla casa di Marrone (lui si grande uomo della vera Resistenza), si faccia anche definitivamente piazza pulita del marciume che ruota attorno ad un partito che ha dimostrato di essere non meno vergognoso di quelli della “Roma ladrona”. Abbattere un rudere legato in qualche modo, sebbene con le dovute differenze, al Trota e fare pulizia dei leghisti disonesti, può rappresentare un segno del destino.

Da un lato, si vuole evitare che l’abitazione di Favara crolli del tutto apportando dei rischi per la gente, dall’altro si vuole evitare che politici, apparentemente onesti, continuino a fare i loro comodi senza alcun ritegno.

E. C. 

Condividi questo post
Sull’Autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>