La pubblicità istituzionale a piacere di qualcuno . EDITORIALE

Di Domenico Vecchio

La gestione del presidente D’Orsi e’ ormai sotto zero. L’anno 2011 si chiude con l’ennesima iniziativa sconcertante che merita di essere raccontata. L’Ente presieduto da Eugenio D’Orsi ha affidato, infatti, la pubblicazione di un video messaggio a pagamento solo ad alcune testate online. Si può dire senza sbagliare che si tratta di testate giornalistiche “simpatiche” al presidente. 

Altro che palma d’oro, un simile comportamento meriterebbe l’oscar. Un film già visto dalle nostre parti. Il nostro giornale insieme ad altri, non e’ la prima volta che viene tagliato fuori e discriminato da queste campagne pubblicitarie pilotate. Un anno fa affidammo il nostro rammarico al testo in siciliano di un altro quotidiano il quale adesso ha avuto il contributo da parte della Provincia. Evidentemente non e’ il siciliano di tutti che D’Orsi comprende.

Così, siamo sinceramente sconcertati da questo modo di gestire la cosa pubblica. Un modo che meriterebbe l’attenzione anche da parte dell’autorità giudiziaria che dovrebbe, a questo punto, fare piena luce sulla vicenda. Per capire anche le ragioni della scelta operata dalla Provincia nel preferire solo alcuni giornali.

Sembra tutto impossibile ed assurdo e invece è la pura e triste verità. 

Forse, e voglio ancora sperarlo, siamo stati precipitosi e stiamo traendo conclusioni affrettate. Magari quella della Provincia e’ stata solo una svista. Chissà. Una cosa, comunque, è certa: la pubblicità istituzionale fatta con soldi pubblici, per quanto ci riguarda, non si traduce, e lo diciamo per evitare equivoci, nell’assicurarsi il nostro silenzio….

Domenico Vecchio

P. S: Abbiamo provato a più riprese, inutilmente, a contattare il Presidente della Provincia.


LEGGI ANCHE:

Lazzano e Paci: “D’Orsi fa pubblicità ingannevole con il soldi della Provincia”

Pubblicità istituzionale della Provincia alla stampa, interrogazione di Lazzano e Paci

 

 

Infomazioni autore

ha scritto 12529 commenti su questo blog.

44 Commenti on “La pubblicità istituzionale a piacere di qualcuno . EDITORIALE”

  • Sara wrote on 29 dicembre, 2011, 0:40

    Di solito non leggo mai di politica e ringrazio questo giornale perchè la tratta con le dovute distanze. Ma questo argomento merita una riflessione. Non è la prima volta se non sbaglio che D’orsi utilizza la pubblicità istuzionale a sua discrezione. Se fa così con queste cose figuriamoci con gli appalti di un certo rilevo. E’ incredibile come la magistratura non intervenga per far luce ed evitare questi sprechi di denaro a vantaggio di qualcuno.

  • Giada wrote on 29 dicembre, 2011, 0:41

    Nessuno si meraviglia più!

  • Mistretta wrote on 29 dicembre, 2011, 0:41

    Alla faccia della prima repubblica!!! Quelli erano signori a confronto!!!

  • ramirez wrote on 29 dicembre, 2011, 0:42

    Guarda caso a prendere i finanziamenti sono sempre gli stessi. E poi si lamentano che il mondo del giornalismo fa schifo!!!

  • sdegnato wrote on 29 dicembre, 2011, 0:44

    SCEMI!!!! Sveglia Agrigento oggi!!! Andate a leccare culi come fanno gli altri

  • angela wrote on 29 dicembre, 2011, 0:45

    Tutti hanno capito che tipo di persona sia D’Orsi. La sua amministazione ha brillato solo per scandali, inefficienza e pressapochismo.
    Cerata gente non si smentisce mai

  • mordillo wrote on 29 dicembre, 2011, 0:45

    Forse nessuno conosce la gestione dell’Ente. Avete scoperto l’acqua calda mie cari. Ingenui

  • sara falzone wrote on 29 dicembre, 2011, 0:46

    Vorrei capire quali sono questi siti e con quali criteri sono stati scelti. Davvero raccapricciante!

  • Minnella wrote on 29 dicembre, 2011, 0:47

    Mi pare difficile che un Ente oculatamente gestito come la Provincia non abbia fatto le cose per bene.

  • Dario wrote on 29 dicembre, 2011, 0:48

    Secondo me D’Orsi non è responsabile di questa vicenda. Mi viene difficile pensare che il nostro presidente faccia queste sciocchezze, soprattutto adesso che sull’occhio del ciclone. A mio avviso è stata solo una svista.

  • Matteo wrote on 29 dicembre, 2011, 0:49

    Credo che sia necessario fare chiarezza. A quanto vedo dagli articoli correlati, risalenti nel tempo, è diventata un’abitudine, quasi una prassi. Ma mi chiedo: il rappresentante di un’istituzione, che non perde occasione di ammantarsi delle piume di un pavone per la correttezza del suo operato, commette questi errori per superficialità o cosa? Complimenti al Direttore per il riferimento alla palma d’oro!!!

  • massimo wrote on 29 dicembre, 2011, 0:49

    Ma credete davvero che il Presidente commetta di questi errori. Ma smettetela!

  • dino wrote on 29 dicembre, 2011, 0:50

    pazzesco!

  • marisa wrote on 29 dicembre, 2011, 0:51

    Direttore… semplicemente complimenti!!!

  • Alice wrote on 29 dicembre, 2011, 0:52

    Incisivo e con il solito stile che vi contraddistingue. Complimenti Direttore

  • agrigentino wrote on 29 dicembre, 2011, 0:54

    Che faccia tosta a mettere un video del genere. Menomale che ste cazzo di provincia le chiudono

  • ruggero wrote on 29 dicembre, 2011, 0:56

    ad alcuni ha dato 300 ad altri 1000 ad altri ancora 3000
    Stesso discorso con le tv e con il cartaceo

  • Eugenio wrote on 29 dicembre, 2011, 1:12

    Nei prossimi giorni lo chimano a Cannes per la palma d’oro. La merita!!!

  • Laura wrote on 29 dicembre, 2011, 1:20

    Ormai non mi meraviglio più di nulla….Dal nostro caro presidente ci si aspetta questo ed altro! E’ inutile in politica non c’è chiarezza e tutti sfruttano le risorse disponibili a loro piacimento e a convenienza..Vergogna!!

  • Maurizio wrote on 29 dicembre, 2011, 6:49

    Ma cosa aspettano ancora a cacciarlo via dalla Provincia a questo D’Orsi? Dopo lo scandalo delle palme ancora non si convince che con i soldi pubblici non si scherza.

  • ignazio cutrò wrote on 29 dicembre, 2011, 9:26

    bravi sempre incisivi,le notizie vanno date e di qualunque natura siano per un buon giornalismo

  • simona vella wrote on 29 dicembre, 2011, 10:56

    Fare della politica uno strumento ad uso e consumo dei propri bisogni/piaceri è ormai una prassi dalla qualche persino i ben pensanti non riescono più ad estraniarsi; chissà perchè, però, io non riesco ancora ad abituarmici!!
    Per quanto ormai sia difficile concepirne una soluzione, credo che prima o poi debba essere praticata affinché non si perda quel residuo di fiducia che si ha nelle istituzioni e si cominci (ma siamo già a buon punto) a diventare una società anarchica in cui ognuno si sente autorizzato a fare ciò che vuole! Per la serie “se lo fanno loro perchè io no?”

  • Piero M. wrote on 29 dicembre, 2011, 14:14

    Caro direttore, contatta Striscia la notizia, certi personaggi meritano solo biasimo pubblico, dopo la figuraccia criminale già fatta un altro segnale di squallore, paghiamo per chi per piante nostre e per giornali che decide lui? ma che razza di amministratore è, ma vada fuori!!!

  • Silvana da Torino wrote on 29 dicembre, 2011, 15:03

    Il paladino della severita’,della correttezza e della serieta’…era tutto un bluff,una copertura!!! Ma si vergogni e vada a zappare le “famose palme” che lo hanno reso famoso per la fame di arraffare il piu’ possibile!!!.Al peggio non c’e’ mai fine.Saluti defenestrati da Silvana.

  • rsvp wrote on 29 dicembre, 2011, 15:58

    Bravo Direttore! Non dire equivale a celare la verità e fare il gioco degli altri. Cosa che specialmente in questi casi non è ammissibile. Purtroppo però mi tocca prendere ancora una volta atto di quanto sia torbido il mondo della pubblicità sopra tutto in relazione alla politica. Per fortuna ci sono impavidi professionisti come te che portano alla luce!!

  • Giusi wrote on 29 dicembre, 2011, 16:02

    COncordo con Piero M.!

  • Èpolis Agrigento wrote on 29 dicembre, 2011, 16:30

    il solito modo di fare politica. Queste brutte abitudini rappresentano un sistema da isolare perchè fuori da qualunque ottica democratica.

  • Silvia wrote on 29 dicembre, 2011, 16:33

    Caro direttore,oggi i politici si servono dei giornali e dei giornalisti per fare una campagna elettorale continua, non per far conoscere programmi e idee, o ciò che si è fatto o si farà, quindi non amano il contraddittorio…o i giornalisti liberi mentalmente che attraverso la loro penna possano porre domande a cui non si sa o non si vuole dare risposte….

  • Nello wrote on 29 dicembre, 2011, 16:34

    Puntuale espressione di un modo di considerare la cosa pubblica come patrimonio personale da poter distribuire ad amici e vicini. Il problema è che in questa terra le professionalità sono poche e molti fanno giornalismo gestuale ed accomodante. Rinengo che le scelte operate da D’Orsi, se coincidono con quanto evidenziato nell’articolo, siano illegittime e sulla soglia del rispetto dei principi di legalità, Ci amministra, in ogni scleta, grande o piccola, deve adottare un sistema di scelta trasparente e dichiarato, relativamente al problema specifico, il Presidente della Provincia può anche non distrubuire la pubblicità soltanto ad alcune testate, ma deve esplicitarne la ragione che può essere il livello di diffusione, la specifica specializzazione, la territorialità rtc. senza questi criteri resta soltanto la clientela e la captatio benevolentiae.

  • Marcello wrote on 29 dicembre, 2011, 16:36

    il popolo agrigentino non è stupido. Pertanto cercare di “tagliare” alcune testate giornalistiche (tra cui questa) non produce altro che ulteriore diffidenza nei confronti della Provincia di Ag. VIVA LA DEMOCRAZIA E L’INFORMAZIONE CORRETTA E LIMPIDA.

  • Michelangelo wrote on 29 dicembre, 2011, 16:55

    D’Orsi ha già superato il culmine della decenza!!!! Vada a casa!!!!!!!
    Dopo la figuraccia in tutta Italia con le Iene che lo hanno braccato per la storia delle PALME eccoci di nuovo col vergognoso vizio dell’uso privato dei soldi pubblici per giunta a pochi lacchè del giornalismo nostrano e della carta stampata e di alcuni giornali online. Vergogna! Vergnogna! Vergogna!!! Vada a zappare le Paleme nella sua bella villa di Montaperto utilizzando personale della Provincia per piantimare le piante. Vargogna ancora!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Gaia Butticè wrote on 29 dicembre, 2011, 18:06

    Questo è l’ennesimo esempio di uso scorretto dei soldi pubblici; Mi sa che le iene dovrebbero venirsi a fare un altro bel viaggetto ad Agrigento….e questa volta mazzate in testa, altro che palma d’oro!

  • Adele Falcetta wrote on 29 dicembre, 2011, 18:43

    Veramente sorprendente. Spero che si tratti di un disguido.E, cosa ancora più importante, spero che gli agrigentini si stupiscano. Perchè se ci si meraviglia (e, quando il caso, ci si indigna) dinnanzi a situazioni di una certa gravità, c’è speranza di poter cambiare le cose. Se, invece, sembra che nessuno se ne accorga … è un brutto segno.

  • Fox 48 wrote on 29 dicembre, 2011, 18:50

    Con quello che accade quotidianamente ad Agrigento, Striscia la notizia potrebbe tenere un corrispondente in città a tempo indeterminato e garantire i servizi per i prossimi anni.

  • Sac. Diego Acquisto wrote on 29 dicembre, 2011, 23:02

    Errare humanum est….anch’io voglio pensare ad un maledetto disguido ed auguro al presidente D’Orsi il coraggio di rimediare subito…La discrezionalità in un settore così delicato e fondamentale per la democrazia, come quello della libera stampa, non è concepibile… Chiarificazione e conseguenti rimedi sono doverosi….ed annullerebbero tanti giudizi espressi nei post di commento di questo servizio (chiaro e franco, ma senza cadute di stile) del direttore di questo giornale on line.

  • Angelo wrote on 29 dicembre, 2011, 23:43

    La cosa più sorprendente che mi indigna è quella di vedere giornalisti del Giornale di Sicilia e de La Sicilia cronaca di Agrigento che omettono di parlare di questa triste vicenda legata alla pubblicità Istituzionale fatta dal Presidente della Provincia D’Orsi. Forse hanno avuto anche loro dei contributi da parte della Provincia? Mi piacerebbe sapere se si e quando hanno ricevuto. I giornalisti della carta stampata sono peggio di quegli avvoltoi che fanno e danno solo le notizie che gli passa il loro “padrone” in questo caso D’Orsi Presidente della Provincia. E’ una autentica vergogna!!!!!!!!!
    Quanto hanno preso di soldi di pubblicità? Ci piacerebbe vedere pubblicati tutti gli atti con i relativi importi ad ognuno delle tv, quotidiani online etc.etc.etc..

  • eleonora wrote on 30 dicembre, 2011, 0:09

    Direi che la cosa non mi meraviglia. Non voglio puntare il dito contro il Presidente D’Orsi, acclamando allo scandalo…la politica non è al servizio della comunità, dei cittadini, ma dei propri interessi.Credo di essere portavoce di tanti nell’affermare che sono stanca e disillusa:la politica ci chiede “sacrifici”…no, scusate?ma fino ad ora chi amu fattu????
    A volte mi sembra assurdo pure continuare a scandalizzarsi.Ormai è la routine.Mi dispiace solo che ci vada di mezzo l’informazione…ancora una volta noi cittadini.
    ps “Indotto di nuovo a riflessione su queste vicende, su chi si occupa di politica, sulle leggi e sugli usi in generale, quanto più passava il tempo e andavo avanti nell’età facendo di queste considerazioni, tanto più mi sembrava difficile riuscire a far qualcosa con la politica. Senza amici e compagni, impossibile realizzare niente…” Non lo dico io.Lo dice Platone,riflettendo sull’ingiusta ed empia condanna dell’amico Socrate. Mi chiedo solo cosa abbiamo imparato da questi grandi uomini di intelletto…Mah!

  • Alessandro Vicari wrote on 30 dicembre, 2011, 0:53

    DIMISSIONI-DIMISSIONI-DIMISSIONI, dimettiti, rossore di faccia d’orsi!!!!!!!!

  • Antonio Vanadia wrote on 30 dicembre, 2011, 8:40

    Nulla di nuovo sotto il sole…..indipendentemente da questo fatto,credo fermamente che i media possono essere e definirsi liberi soltanto quanto non percepiscono finanziamenti pubblici o privati,in caso contrario saranno sempre al guinzaglio del finanziatore di turno.

  • franco fasulo wrote on 30 dicembre, 2011, 12:17

    Il fatto si commenta da solo.
    Per evitare il ripetersi di ciò sarebbe opportuno spiegare a chi amministra il significato e il concetto di DEMOCRAZIA e la sostanziale differenza gestionale che intercorre tra “Beni Pubblici” e “Beni Privati”.
    Auguri a tutta la redazione.

  • Gero wrote on 30 dicembre, 2011, 19:01

    parla di legalità ma è solo facciata!!!

  • francesco wrote on 31 dicembre, 2011, 12:39

    il mio commento…..rileggete l’articolo.
    NULLA DA AGGIUNGER

  • rosalinda wrote on 2 gennaio, 2012, 17:25

    Caro direttore… non mi è solito lasciare commenti.. soprattutto qnd si tratta di politica.. diciamo ke sono un pò atea da qst punt di vista.. ma qui .. è il caso.. e credimi.. Realmente.. concorderei.. con la proposta di chiamare Striscia.. penso ne valga la pena..;)

  • Precario alla provincia di Ag wrote on 2 gennaio, 2012, 18:42

    Chiara considerazione di Rosalinda. Chiamiamo Striscia la notizie e nuovamente le IENE cosi mettiamo ancora nel ridicilo il Presidente della Provincia D’Orsi Eugenio per le schifezze che continua a fare alla Provincia. Magistratura se ci sei batti un colpo. Ma che cosa si aspetta ad indagare sullo scandalo della pubblicità istituzionale con i soldi del bilancio della provincia? mah siamo nella Repubblica delle Banane e poi Monti ci chiede sacrifici. Schifo!!!! Schifo!!!! Schifo!!!!
    MANDATE A CASA QUESTO PRESIDENTE DELLA PROVINCIA AD AGRIGENTO. NE HA FATTO GIA’ DI TUTTI I COLORI. CHE COSA SI ASPETTA ANCORA A CACCIARLO VIA? DOPO LO SCANDALO DELLE PALME,DELLE PENNE MONT BLANC,DEI PRANZI,DELLE CONSULENZE,DOPO IL RINVIO PER GIUDICARLO CON LE PROVE CERTE CHE COSA SI ASPETTA PRIMA CHE FACCIA ALTRI DANNI INCALCOLABILI?
    FUORI GLI IMPOSTORI,I ROVINAFAMIGLIA VEDI PRECARI ALLA PROVINCIA,GLI APPROFITTATORI DEL DENARO PUBBLICO.

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023