Controlli su filiera ittica nell’agrigentino: multe e pesce sequestrato



Nell’ambito dell’ operazione complessa di controllo sulla filiera della pesca finalizzata alla tutela del consumatore ed al rispetto delle vigenti disposizioni sugli scambi commerciali in materia di prodotto ittico (tracciabilità ed etichettatura), unitamente al rispetto delle norme sulle attività di cattura per la tutela di stock ittici e dell’ecosistema marino, l’altro ieri, il personale della Guardia Costiera di Licata ha operato rivolgendo l’attività di controllo verso gli ambulanti presenti nelle vie principali della cittadinanza. A fine operazione sono stati sequestrati n° 15 Kg. di prodotto ittico ed elevati verbali amministrativi per un importo totale di € 3.000,00a danno di un venditore risultato abusivo. Il prodotto ittico sottoposto a sequestro, dopo la visita veterinaria da parte del personale della ASP n°1 di Agrigento, è stato consegnato alla S.R.R. ATO 4 AGRIGENTO PROVINCIA EST (soggetto gestore del servizio pubblico), ai fini del successivo smaltimento e distruzione previsti da normativa in vigore: lo stesso è risultato non idoneo al consumo alimentare poiché dichiarato di dubbia provenienza e privo di tracciabilità.Nell’ambito delle attività rivolte principalmente alla tutela dalle frodi in commercio, spesso frequenti in vista delle festività natalizie, si conferma quanto la Capitaneria di Porto di Licata, al Comando del Tenente Giuseppe Maggio, stia operando e continuerà ad operare con grande impegno e quotidiana prevenzione nelle numerose funzioni, istituzionalmente attribuite, di polizia marittima e costiera sia via terra che via mare, volte a ridurre le attività illecite nel territorio.

Ultima modifica: 23 dicembre 2017