Condanna e “servizi sociali” per Sferrazza: Dedicò la vittoria dell’Akragas a un boss e violò il daspo



Aveva dedicato la vittoria della squadra di cui era presidente ad un boss di Palma di Montechiaro, Nicola Ribisi, definito da lui “amico fraterno”, poi ricevuto il Daspo, lo aveva violato. Ora, per Gioacchino Sferrazza, 51 anni, di Canicattì, ex presidente dell’Akragas, arriva la condanna a 8 mesi, senza condizionale, che l’uomo dovrà scontare in affidamento in prova ai servizi sociali.

Dovrà dunque prestare opera di volontariato, che dovrà essere approvato dal Tribunale di Sorveglianza, l’imprenditore canicattinese coinvolto nella vicenda, secondo quanto richiesto ed ottenuto dall’avvocato Daniela Posante, come misura alternativa al carcere.

I fatti per cui è stato condannato Sferrazza risalgono all’anno 2009 e la condanna è divenuta definitiva.

 

Ultima modifica: 7 febbraio 2018