Il CGA sblocca definitivamente l’appalto del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto di rifiuti solidi urbani all’interno dell’ARO di San Giovanni Gemini e Cammarata.

Con bando di gara ritualmente pubblicato l’ARO di San giovanni gemini e Cammarata indiceva una procedura aperta per l’affidamento del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani per un importo complessivo di gara pari a euro 8.173.774,00 iva esclusa, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Alla gara partecipavano tre operatori economici; espletate le operazioni di gara ed attribuiti i punteggi ai partecipanti la Commissione di gara aggiudicava la gara al costituendo raggruppamento temporaneo di imprese avente la  Ecosud srl capogruppo. Avverso l’aggiudicazione definitiva proponeva un ricorso giurisdizionale davanti al TAR Sicilia la srl Traina , chiedendo l’esclusione dell’aggiudicataria per asserita carenza del possesso dei requisiti di capacità tecnica richiesti dal bando di gara. L’aggiudicataria, costituitasi in giudizio con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Leonardo Cucchiara,a sua volta proponeva un controricorso e ricorso incidentale, chiedendo sia il rigetto del ricorso principale sia in via incidentale l’esclusione della Traina srl per mancata dichiarazione alla Stazione appaltante di un pregresso episodio di risoluzione contrattuale, valutabile quale errore grave commesso nell’esercizio dell’attività. Il TAR Palermo, Sezione Terza, accoglieva sia il ricorso principale proposto dalla Traina srl, sia il ricorso incidentale proposto dalla ECO Sud, con conseguente esclusione di entrambi i ricorrenti, con la paradossale conseguenza che l’appalto avrebbe dovuto essere aggiudicato alla terza partecipante, la SEA srl, che non aveva nemmeno partecipato al giudizio. Ma avverso la sentenza resa dal TAR proponeva appello davanti al CGA  l’Ecosud srl, sempre assistita dagli avvocati Rubino e Cucchiara, i quali lamentavano l’erroneità della sentenza appellata sotto molteplici profili, richiedendo anche la sospensione dell’esecutività della medesima. Già in sede cautelare il CGA, condividendo le tesi degli avvocati Rubino e Cucchiara, accoglieva la richiesta di sospensione dell’esecutività della sentenza appellata, consentendo la prosecuzione del servizio da parte della società ECOSUD srl, da quest’ultima iniziato in via d’urgenza. Da ultimo, esaminando il merito della controversia, il CGA ha accolto l’appello proposto dalla ECOSUD, riformando la sentenza resa dal TAR, ritenendo fondato  il motivo d’appello formulato dagli avvocati Rubino e Cucchiara secondo cui l’ECOSUD srl era in possesso dei requisiti di capacità tecnica prescritti dal bando di gara; donde l’infondatezza del ricorso di primo grado proposto dalla TRAINA srl,l’erroneità della sentenza appellata  e la legittimità dell’aggiudicazione disposta  dalla stazione appaltante in favore della stessa ECOSUD srl. Per effetto della sentenza resa dal CGA  l’Ecosud continuerà regolarmente ad espletare il servizio di spazzamento, raccolta e trasporto di rifiuti solidi urbani all’interno dell’ARO di San Giovanni gemini e Cammarata,   mentre la Traina srl, soccombente in giudizio, dovrà provvedere alla rifusione del contributo unificato all’appellante ECOSUD srl, in misura pari a novemila euro.

Ultima modifica: 22 ottobre 2017