Casa Circondariale Agrigento, iniziativa Natale 2017: tre aiuole di Natale


carcere petrusa

Il Dott. Aldo Tiralongo, Direttore della Casa Circondariale di Agrigento, su iniziativa del Dott. Giuseppe Di Rosa, Dirigente dell’Ente di Assistenza  dell’Amministrazione Penitenziaria,  coadiuvato dalla Dott.ssa Maria Clotilde Faro, Funzionario Giuridico Pedagogico, e con la collaborazione del Sac. Antonino Scilabra, Direttore del Centro di Ascolto e di Accoglienza S.G.M. Tomasi Onlus di Agrigento, informa la stampa e, attraverso essa, l’opinione pubblica, dell’iniziativa intitolata “Tre aiuole di Natale”.

 

In un’ottica di fratellanza e condivisione, avvalorata dalle prossime festività Natalizie, i detenuti ammessi al lavoro all’esterno, alcuni ospiti di “Villa Nazareth”, struttura facente parte del  predetto Centro di Ascolto e di Accoglienza, richiedenti protezione Internazionale, in collaborazione con tecnici esterni, con la disponibilità delle Ditte SAPICC SRL, Campione SPA e lo Studio Tecnico G. Nobile, collaboreranno nell’attività di rifacimento delle tre aiuole spartitraffico  poste all’inizio del viale d’ingresso dell’Istituto.

 

Piuttosto che al tradizionale Albero di Natale, si è pensato al ripristino delle tre aiuole in quanto queste,  per la loro particolare  ubicazione,  sembrano poter rappresentare un “trait d’ union” tra diverse realtà quali  la popolazione ristretta, la cittadinanza che percorre la S.S. 122, le famiglie dei detenuti ,  gli ospiti di Villa Nazareth e tutti i soggetti che a vario titolo accedono ogni giorno nella struttura detentiva.

 

La cooperazione tra le diverse realtà vuole sottolineare lo spirito di comunione che deve unire tutta la popolazione soprattutto in un periodo dell’anno che invita all’accoglienza e alla condivisione.

 

 

Ultima modifica: 12 dicembre 2017