Cambio al vertice della Funzione Pubblica CGIL di Agrigento



E’ prevista per venerdi 10 novembre l’elezione del segretario generale della Funzione Pubblica CGIL di Agrigento. Sono passati otto anni dalla elezione di Alfonso Buscemi che come prevede lo statuto del sindacato è decaduto per raggiungimento del limite massimo dei due mandati. Alfonso Buscemi dunque, dopo le dimissioni dalla  segreteria  confederale di Agrigento lascia la segreteria della categoria che ha guidato sino ad oggi. Un periodo nel quale lo ha visto protagonista di numerose vertenze alcune di queste, in particolare, sono state affrontate a muso duro e con successo. Si ricordano l’occupazione della provincia quando sono stati licenziati i lavoratori del Voltano spa e dovevano transitare all’ATO idrico, cosa poi avvenuta anche so ci sono voluti sei mesi di lotta. I dodici mesi dell’occupazione del municipio di Agrigento da parte dei netturbini licenziati, alla fine riassunti; le vertenze giornaliere per il pagamento delle retribuzioni ai lavoratori dell’igiene ambientale; lo scontro continuo con amministrazioni locali e regionali a favore dei precari. Impegno, di tutta la categoria, con i suoi tanti dirigenti presenti sul territorio agrigentino a sostegno dei lavoratori che ha visto premiare gli sforzi vincendo tutte le tornate elettorali nelle Rappresentanze Sindacali (RSU) sia nel Pubblico Impego ( 2007, 2012, 2015) che nell’Igiene Ambientale ( 2014, 2017). Naturalmente, continuerà il suo impegno nel Sindacato del Pubblico Impiego seppur con altre responsabilità. Infatti, attualmente, ricopre l’incarico di segretario regionale della FP CGIL.

Ultima modifica: 8 novembre 2017