Bisogna essere certi che Dio vuole bene agli agrigentini

di Eugenio Cairone – Bisogna essere certi che Dio ci vuole bene.

Almeno lui, a noi agrigentini, non ci abbandona mai e ogni giorno che passa dà prova della sua benevolenza nei nostri confronti.

Il Signore dopo avere  evitato una possibile strage a causa del crollo nel centro storico in coincidenza del Venerdì Santo, ha evitato un’altra possibile tragedia sulla 640 se il nuovo By pass fosse stato già aperto.

E dire che si è fatto di tutto perché fosse reso transitabile per porre fine ai disagi che stanno facendo impazzire i pendolari.

Se, in questo caso, ci si è salvati dal pressappochismo con il quale si lavora dalle nostre parti, dall’incuria e dalla facilità con la quale si mette a serio rischio la vita delle persone, che ci si creda o meno, lo si deve a chi da lassù ci protegge in ogni momento della giornata come, appunto, nel caso della brutta vicenda del By pass inghiottito dall’acqua piovana.

Ma come è possibile che l’incolumità pubblica debba essere messa a rischio continuo?

Una risposta non l’avremo mai.

Non resta che attendere l’esito degli accertamenti su un crollo che è un fatto inconcepibile che intanto, prolungherà, purtroppo, il nostro calvario.

Eugenio Cairone

Infomazioni autore

ha scritto 392 commenti su questo blog.

2 Commenti on “Bisogna essere certi che Dio vuole bene agli agrigentini”

  • Francesca wrote on 30 settembre, 2011, 16:37

    Io ne sono certa che abbiamo un occhio particolare. Sono nata tra frana e terremoto e mia mamma mi ha raccontato quando tutti i parenti dal zona del Duomo a causa della frana scapparono a San Leone, da lei ospitati.
    Oggi che abito a Fontanelle, dopo tanto tempo passato in via Garibaldi, la mattina mi alzo e guardo se il Duomo c’è ancora., Già dal mio balcone in linea d’aria, di fronte, vedo il Duomo il Seminario. Via Garibaldi e le zone limitrofe non le ho abbandonate, mi reco solente dalle Suore Salesiane o a San Giacomo e guardo sempre quelle zone abbandonate. L’ex palazzo di Giustizia, l’ex ufficio di collocamento nonchè ex scuola Media Anna Frank, preda dei ratti, dell’erba e dell’incuria. Non è che a Fontanelle la situazione sia migliore, basti pensare la strada che dal quartiere dovrebbe avvicinarci all’Ospedale. Fatta di notte al buio, piena di buche e di erba….
    Le strade di Agrigento, per lo più sono tutte in queste condizioni, per non parlare del tunnel che porta a raffadali, lì piove anche con 40 gradi!
    Tutta Agrigento è abbandonata, ma guardata dai Santi, che ci guardano, ci vedono e ci proteggono. Mentre gli uomini che finanziano, affidano i lavori, sono preposti al controllo, o sono coloro che effettuano i lavori stessi, questi uomini non hanno nè orecchie, nè occhi e quello che ora più che mai capisco, senno. Come può crollare una strada appena fatta, mentre una frana, lesiona ma lascia in piedi un duomo? (oggi in pericolo a causa di ipogei, ma anche dell’intervento dell’uomo moderno) Ma l’uomo antico, senza computer con carta e penna, era forse più intelligente o meno ansioso di fregare il prossimo ??? Oppure sanno che tanto siamo ad Agrigento, dove l’acqua ni vagna e u ventu n’asciuca?
    Mi auguro che ci sia una verifica su questi lavori e su tutti gli altri, che per mè a malincuore, partiranno (rigassificatore, ponte sullo stretto)

  • Silvana da Torino wrote on 30 settembre, 2011, 18:28

    O vuole bene agli agrigentini o e’ molto solerte a proteggere gli artefici di (chiamiamole cosi’) opere pubbliche e,grazie a cotanta intercessione,ne traggono beneficio anche i cittadini!.Saluti fortunatissimi da Silvana.

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023