Alessandro Di Benedetto nella Storia del Giro del Mondo a vela in Solitario!

Di Alessandro Tedesco: Alessandro è ormai ad un passo dalla storia, anzi, è già nella Storia dello Sport internazionale: con la sua barca a vela da 6,50 metri ha ormai raggiunto la costa di Les Sables d’Olonne la città francese sulla costa atlantica, dalla quale è partito lo scorso 26 ottobre, coprendo ben 24.000 miglia, passando i tre famosi capi: Buona Speranza (a sud del continente africano), Leeuwin (Australia) e Horn (Sud America). Ora, dopo una navigazione durata 9 mesi senza scalo, sta tornando sulla terraferma.

Dopo l’Atlantico (dicembre 2002 – traversata dell’Oceano Atlantico in solitario e senza assistenza su un catamarano non abitabile inferiore a sei metri) ed il Pacifico (agosto 2006 – Record del Mondo e  Primato assoluto mondiale  nella categoria “20 feet sport” certificato dal World Sailing Speed Record Council/International Sailing Federation), Alessandro Di Benedetto, 39 anni, geologo italo-francese, ha deciso di effettuare il “giro del mondo” in solitario senza scalo, senza assistenza, su una barca a vela di soli 6.5 m. Romano d’adozione, cresciuto ad Agrigento e avviato alla vela grazie alla del padre, Alessandro entra nella leggenda dei velisti , difatti il suo è un record sensazionale, che ha davvero dell’incredibile: è diventato il navigatore solitario ad avere compiuto un giro del mondo senza scalo e senza assistenza esterna sulla barca più piccola. Il precedente primato apparteneva al mitico navigatore inglese Robin Knox Johnston, che nell’anno1969 circumnavigò il globo con il 9,70 metri Suhaili; La barca di Alessandro è un Mini 6.50 chiamata col nome dello Sponsor, Fininvest, completamente modificato e irrobustito dal navigatore italiano che a poppa ha realizzato una cellula per rifugiarsi durante le tempeste.

Di certo non sono mancati i momenti di “difficoltà” che ha dovuto superare con grande coraggio e determinazione; il più grave tra questi gli è capitato quando si trovava in Pacifico, a 1500 miglia da Capo Horn e a 7000 dall’arrivo, la sua barca è stata ribaltata da un’onda frangente che gli ha spezzato l’albero in tre parti. Dopo aver disalberato, ha riattrezzato la barca con un’armo di fortuna, doppiato Capo Horn con questa attrezzatura di emergenza e proseguito.
Oppure quando passando sopra i alti fondi del “Burdwood bank”, alcune grandi alghe hanno provato a trattenere la chiglia di Findomestic banca, ma lo skipper con due o tre bordi se ne é svincolato. Cinque ore dopo Alessandro a dovuto ammainare le vele per fermare la barca per potere liberarsi manualmente da altre alghe giganti. Tutto ciò sotto una piccola grandine fine e bianca, chiamata “sugar ice” da Alessandro.
Non ci sono parole per descrivere questa emozionante leggendaria avventura di Alessandro se non leggere le sue scritte e inviate via sms sul sito che raccoglie ogni mossa del navigatore “nostrano” (www.alessandrodibenedetto.inet); molti amici sono partiti per Les Sables d’Olonne per incontrare Alessandro Di Benedetto e condividere con lui questa grande impresa che ha il sapore di altri “tempi”.
Grazie Grande Alessandro!

Alcuni SMS inviati da Alessandro durante la navigazione:
20 luglio 2010, 11:30 – Incrociato delfini che hanno cambiato rotta e sono rimasti mezz’ora con me. Belle riprese video sott’acqua.

17 luglio 2010, 13:31 – Sempre in compagnia dei delfini. Numerosi cargo e una sola barca vela. Le ultime frittelle … per riparare alla mancanza di vento

16 luglio 2010, 21:35 – Oggi di nuovo i delfini con me. Molte barche da pesca. Eolico ko dopo il frangente che ha corricato la barca.

13 luglio 2010, 20:23 – Indossato tuta stagna. Onde di 6 metri, frangenti, mare tutto bianco. Findomestic per il momento reagisce bene. OK a bordo.

12 luglio 2010, 21:30 – Il colpo di vento è passato, adesso pioviggina. Senza pilota automatico, éolico blocato e poco sole per ricaricare in modo ottimale le batterie. Contatto VHF con skipper barca a vela francese che fa rotta Azzorre/Inghilterra. Delfini da 24 ore sempre con me ;-)

29 giugno 2010 – 48 ore in assenza totale di vento. I delfini mi fanno compagnia.

28 giugno 2010 – Avvistata una balena stamattina. Pìù tardi ho visto al largo dei delfini cacciare un branco di pesci. Un piccolo gruppo di orate è venuto a rifugiarsi intorno alla barca. E “hop”, una presa con l’amo, e “zac” un’altra infilata con la balestra. Preparazione della bottarga: uova di pesce, sale, sole. Sarà pronto per questa sera. A mezzogiorno filetti di orate con olio d’oliva, prezzemolo del giardino e verdure liofilizzate.

Infomazioni autore

ha scritto 12121 commenti su questo blog.

Scrivi un commento

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Testata iscritta al n.289 Registro Stampa Tribunale di Agrigento in data 18 Settembre 2009
Dir. resp. Eugenio Cairone
P.I. 02574010845 · Copyright © 2009 - 2014 - tel 338.2146190 - agrigentooggi@hotmail.it
Iscrizione ROC n.19023