Akragas: Non si può imprecare contro il recupero…(FOTO)

di Eugenio Cairone

Peccato ma non possiamo imprecare contro il recupero concesso (sono, comunque, sempre troppi 4 o 5 minuti). Ma non possiamo imprecare perché nel recupero abbiamo strappato una vittoria da sogno a Catania.
Matteo Zanini, ancora una volta, aveva fatto sognare i tifosi biancoazzurri lui che è diventato il vero bomber della squadra.
“Non mi dite che ha la palla Zanini” aveva quasi urlato il cronista catanese di Sportube. Lo ricordate no? Oggi si è avuta la conferma che proprio Matteo Zanini è diventato il terrore degli avversari.
Di azioni a favore dell’Akragas per chiudere la partita se ne sono viste tante.
Il portiere della Fidelis Andria è stato bravo, in modo particolare, al 70° ma che dire della palla gol di Cochis? Un preludio di quello che sarebbe successo da lì a poco quando dalla distanza Cianci, messo purtroppo in condizioni di tirare, ha fatto centro
spegnendo la gioia di una vittoria che ha avuto il sapore di un furto.
E qui bisogna per forza tirar fuori la maledetta regola del “gol mancato, gol subito”. Succede spesso cosi quando si commettono errori incredibili sotto porta e si concedono facili ripartenze.
Succede ed è successo all’Esseneto, uno stadio dove, alla fine giustamente, non sono mancati gli applausi per i ragazzi allenati da Di Napoli.
Soprattutto per colui che di gol ne ha fatti quattro in questo campionato regalando emozioni indimenticabili cioè il bomber Zanini.

Eugenio Cairone

LE FOTO

 

Ultima modifica: 19 aprile 2017