Agrigento: Sulla Tassa di soggiorno traballa la giunta. L’Assessore : “Io mi dimetto”

Pubblicato 10/08/2012 » 136 Visualizzazioni» Da Redazione » Top

Sulla Tassa di soggiorno traballa la giunta

L’Assessore : “Io mi dimetto”

Il Consiglio comunale tace, l’Assessore al Turismo insorge. Sulla tassa del turismo traballa la giunta. Comincia il conto alla rovescia al Comune di Agrigento, l’Assessore Giovanni Sciacca è stato chiaro, senza mezzi termini ha formalizzato le proprie richieste al sindaco. “O il dirigente del Comune rivede la possibilità di istituire la tassa di soggiorno sui turisti o mi dimetto”. Da soli tre mesi in carica, l’Assessore e imprenditore del turismo, Sciacca è già pronto a rinunciare a tutti i privilegi, compresa l’indennità di carica, a difesa della sua categoria.

ANNUNCIO COMMERCIALE


// ]]>

La proposta di approvare una tassa sui turisti a carico degli albergatori e delle altre strutture ricettive è stata avanzata dal Dirigente di palazzo di Città, Mantione che, la ritiene necessaria per coprire buchi di bilancio. Il Comune è all’osso e per questo il dirigente sta rastrellando dove può al fine di incrementare il prezioso strumento economico con ulteriori 2milioni e cinquecentomilaeuro. Anche il Sindaco nei giorni scorsi era stato chiaro, aveva chiesto al Consiglio Comunale, riunito in un apposito incontro, di trovare soluzioni alternative. Ad oggi nessuno è riuscito a trovare soluzioni valide, anzi forse considerato il caldo di questi giorni, la stragrande maggioranza dei consiglieri preferisce stare al mare piuttosto che pensare a queste problematiche.

Intanto si è allungato il periodo utile di presentazione del bilancio. C’è tempo fino ad ottobre. Il tempo per trovare soluzioni ci sarebbe ma servono fatti concreti. In alternativa il Sindaco pare non avere altra scelta.

Intanto domani mattina all’Hotel Dioscury di Agrigento si terrà un importante incontro tra tutti i rappresentanti del settore turistico cittadino.