Agrigento, la Fials chiede la rimozione dell’Amministrazione Commissariale dell’ASP



In una nota inviata all’ Assessorato regionale alla salute la segreteria provinciale Fials di Agrigento, diretta dal segretario Amedeo Fuliano,  ha rappresentato la “torbida” gestione del personale, con particolare riferimento a dipendenti rivestenti la qualifica di ausiliario e di Operatore Socio Sanitario, sottratti alle mansioni proprie della qualifica rivestita ed utilizzati in mansioni più comode.
“Imboscamenti- si legge- operati dalla precedente Amministrazione dell’ASP ma consolidati da quella Commissariale attualmente in carica. Sottrazione di personale che crea disservizi agli utenti ad es. al pronto soccorso del P.O. di Agrigento”.
“A confermare la fondatezza di quanto denunciato dalla Fials-scrive Fuliano- è stata la stessa Amministrazione dell’ASP di Agrigento la quale, l’11 gennaio scorso, cioè nella stessa data in cui la denuncia succitata è stata diffusa, ha adottato la deliberazione Commissariale n. 23 avente ad oggetto:“ Indizione avviso interno per l’assegnazione di n. 3 dipendenti del profilo di Ausiliario Specializzato da assegnare al Triage del Pronto Soccorso del P.O. di Agrigento”.
Con questa geniale e strategica scelta gestionale l’Amministrazione retta dal Dr. Gervasio Venuti, si propone di sottrarre, attraverso l’avviso di mobilità interna approvato con la citata deliberazione, ad altri presidi ospedalieri n. 3 ausiliari specializzati dove gli stessi operatori garantiscono servizi utili all’utenza. Una situazione paradossale se si considera che il personale imboscato cui la scrivente ha fatto e fa riferimento, l’ausiliario specializzato e l’Operatore Socio Sanitario, è utilizzato difformemente dalla qualifica rivestita proprio presso il P.O. di Agrigento. A questo punto, gentile Assessore, non si può non farsi la seguente domanda : ma da chi sono raccomandati e protetti i lavoratori imboscati in argomento?”
Per tali ragioni ed anche per i fatti denunciati dall’On. Giusy Savarino, la Fials agrigentina, in ordine alle criticità della chirurgia del P.O. di Canicattì chiedela rimozione dell’Amministrazione Commissariale dell’ASP di Agrigento.

Ultima modifica: 26 gennaio 2018