FORTITUDO MONCADA AGRIGENTO vs. PASTA CELLINO CAGLIARI 99 – 87
di Michele Bellavia

FOTO DI KALOS LONGO

​Un’immensa Fortitudo Moncada Agrigento torna alla vittoria battendo la Dinamo Academy Cagliari con il punteggio di 99 a 87, salendo così a quota 8 punti in classifica in piena zona playoff.
I sardi non riescono a sfatare il tabù della trasferta, durano solamente per tre quarti di partita, e tornano a casa con l’ennesimo pesante scarto che conferma la debolezza difensiva della squadra allenata da coach Paolini.
Dall’altra parte, la Fortitudo ha la piena consapevolezza di essere una squadra perfettamente bilanciata, con una difesa solida e un’eccellente propensione offensiva.
Primo quarto equilibrato e chiuso con due punti di vantaggio (26 – 24), i nerazzurri cagliaritani provano a scappare nel secondo quarto (+8) grazie alle giocate del “killer” Marcus Keene (27 punti); a quel punto coach Franco Ciani decide di usare l’artiglieria e lancia al momento giusto Lorenzo Ambrosin (15 punti) che con 4 triple consecutive, permette di riacciuffare gli ospiti, che comunque rispondono punto su punto fino al termine della prima frazione che si chiude in perfetta parità (52 – 52).
Al rientro dalla pausa lunga, la Pasta Cellino Cagliari infila un mini break di 7 punti, ma 5 punti consecutivi del miglior Zugno visto finora (15 punti), supportato da un ottimo Tommaso Guariglia (12 punti) riportano la parità che si tramuta in sorpasso con le triple di capitan Evangelisti (6 punti) e Williams.
Cagliari si aggrappa soprattutto al tiro da fuori e cerca di rimanere incollata fino al 68 pari. Qui cambia la partita, perché una sfilza di tiri dall’arco di tutto il pacchetto esterni biancazzurro con un Simone Pepe (13 punti) in trance agonistica, sbriciola letteralmente le speranze dei sardi, determinando il vantaggio di 11 punti alla fine del terzo quarto (83 – 72)
Ormai Cagliari è stordita e non riesce più a riprendere il bandolo della matassa; la Fortitudo taglia la difesa avversaria con Williams (19 punti) per il più 13 e poi Lovisotto a consolidare il vantaggio. I sardi provano le giocate individuali facendo leva soprattutto su Stephens (13 punti), ma l’americano viene annullato dalla difesa biancazzurra e finisce con lo sprecare azioni decisive.
Il resto è garbage time con Ciani che manda in campo i giovani Cuffaro e Magro sfortunati nelle giocate che avrebbero arrotondato ancora di più il punteggio.
Ora per la Fortitudo c’è l’impegnativa trasferta contro la pari grado in classifica Givova Scafati.

Tabellini.

FORTITUDO MONCADA AGRIGENTO: Cannon 9, Zugno 16, Evangelisti 6, Pepe
13, Ambrosin 15, Savoca, Lovisotto 7, Williams 19, Magro, Cuffaro,
Guariglia 12. Allenatore Franco Ciani, Assi Coach Luigi Dicensi.

 

PASTA CELLINO CAGLIARI: Turel 13, Stepens 13 , Bucarelli 5, Rovatti 5,
Keene 27, Matrone 6, Rulllo 11, Ebeling 7, Bonfiglio, Ibba. Allenatore
Riccardo Paolini.

Arbitri Ozge Tolga Sahin, Chiara Maschietto, Alberto Perrocco.

LE IMMAGINI DELLA PARTITA SU FACEBOOK – FOTO KALOS LONGO

Ultima modifica: 6 novembre 2017