Agrigento, cade e si rompe femore e clavicola: il Comune la risarcisce di 67mila euro



Stava percorrendo la Via Atenea quando all’improvviso, a causa di un sanpietrino  sconnesso, è caduta. Protagonista un’anziana 83enne che adesso riceve dal Comune di Agrigento il risarcimento di € 67.105, 13.  La caduta, avvenuta nell’aprile 2015,  le aveva causato la frattura scomposta al femore e l’introduzione di endoprotesi più frattura della clavicola per la quale dopo un mese di immobilizzazione iniziava una lunga riabilitazione. Era stata subito soccorsa da dei commercianti e trasportata in ospedale d’urgenza dove veniva operata. 

La signora,  dopo avere fatto ricorso in tribunale, tramite l’avvocato Rosario Latino, contro il Comune di Agrigento, otteneva con sentenza a suo favore un risarcimento pari a 67mila euro. Il Comune, pur trovandosi dinnanzi ad una sentenza difficilmente attaccabile, ha deciso di ricorrere in appello chiedendo anche l’esecutività della sentenza. La Corte d’Appello, con ordinanza, rigettava l’istanza del Comune . Quest’ultimo, a seguito di atto di precetto presentato dall’avvocato Latino, ha disposto il pagamento appunto  di € 67.105, 13.

Ultima modifica: 7 febbraio 2018